info@antoniolatorre.it  
 
  Nudo d'uomo con calzino

“Nudo d’uomo con calzino e altre
imperdonabili gaffe del maschio sotto
(e sopra) le lenzuola”
è l’ultimo libro
della giornalista Giulia Blasi
(Einaudi, 2009).

Si tratta di una ironica, grottesca,
sarcastica, divertente ma allo
stesso tempo triste
galleria di ritratti
maschili dell’Italia contemporanea.
La costante che sembra caratterizzare
i vari personaggi è quella dell’uomo
che non capisce, che non sa
comunicare con la donna che ha
davanti, che non riesce a sintonizzarsi
sui desideri dell’altra, incapace
di vedere oltre il proprio naso.

Ne esce un ritratto maschile
decisamente penoso: quello convinto
che la mano morta sia un preliminare.
Quello che confonde il tantra con
una gara di resistenza.

Quello complessato dalle dimensioni. Storie di uomini indecisi, improponibili,
di mancate erezioni, di uomini che durano troppo e di uomini che ti invitano
a Parigi...a tue spese!
Insomma, una rappresentazione non molto edificante del maschio latino.
Un maschio incapace di ridere delle proprie “defaillances” (semplicemente
perché...non se ne accorge!)
e di mostrare quella ironia di cui è invece
sapiente dispensatrice l’autrice.

Così scrive infatti Giulia Blasi degli uomini:
“Quelli che l’importante è durare, quelli che prendono ancora le misure,
quelli che il sesso è sopravvalutato, sono altre le cose che tengono insieme
una coppia, quelli che si mettono la mano sul fianco e ammiccano di fronte
all’obiettivo. Quelli che scusami ma ti rispetto troppo e quelli che invece non
capiscono la parola no, quelli trasandati e quelli perfettini, quelli che dopo
non richiamano, quelli che lo vorrebbero fare strano al primo appuntamento,
quelli incapaci di cogliere i segnali e infine gli immancabili, classici, stronzi”.


L’impressione è di uomini incapaci di mettersi in discussione semplicemente
perché non si accorgono delle proprie maldestre gaffes, mentre le loro partner
sembrano subirle più o meno passivamente.

C’è solo da augurarsi che i racconti di Giulia Blasi siano di pura fantasia e che
non si tratti di un autentico spaccato della società contemporanea.
• indietro

Flash Player