info@antoniolatorre.it  
 
  UK - 414,495: il viagra rosa?
Bugie e verità delle ricerche sul desiderio
sessuale femminile


Il 13 aprile 2010 la rivista British Journal of Pharmacology ha pubblicato
on-line uno studio in cui si ipotizza che una molecola (denominata
UK - 414,495) sarebbe in grado di favorire l’eccitazione sessuale
femminile aumentando l’afflusso di sangue ai genitali (vagina e clitoride).
Quello stesso giorno, l’ANSA riprende con enfasi le conclusioni dello studio
in questione, pubblicando un comunicato stampa con un titolo molto
eloquente ed esplicito:
“Arriva il viagra rosa. Scoperto il segreto dell’eccitazione
femminile”
. A partire dal 14 aprile 2010 la notizia si diffonde rapidamente
sulla stampa e su numerosissimi blog.
“Scoperta la molecola che scatena
l’eccitazione nella donna”
, si leggeva ad esempio sulle colonne del Corriere
della Sera. Dopo l’entrata in commercio del viagra (1998), i mass media
hanno periodicamente annunciato con toni trionfalistici notizie sulla sessualità
femminile non sempre sostenute da evidenze scientifiche, riscuotendo
comunque un certo consenso nell’opinione pubblica, per lo meno a giudicare
dalla frequenza con la quale tali notizie sono state pubblicate. Ecco qui
di seguito alcuni esempi che si riferiscono ad alcune tra le più note riviste
nazionali:


Panorama: 20 agosto 1998
Piacere di donna. Nuove scoperte
sull’eros femminile.

















L’Espresso: 16 marzo 2000
Viagra anch’io. È in arrivo la pillola
del piacere femminile. Funzionerà?

















Focus: agosto 2000
La scienza spiega i comportamenti
delle donne. I segreti della sessualità
femminile.
















Panorama: 21 febbraio 2002
Donne & Sesso.
Fenomenologia del desiderio
femminile: le ultime scoperte
scientifiche, il viagra rosa.














L’Espresso: 25 luglio 2002
Caccia al Punto G.
Sembrava una leggenda del piacere
femminile. Oggi sappiamo che esiste.

















Le riviste di cui sopra hanno in realtà riportato notizie di scarsa validità
scientifica: a tutt’oggi, ad esempio, non è stato scoperto il “viagra rosa”
e le ricerche sulla molecola che sembra essere più promettente (
“flibanserin”)
non sono ancora terminate. Anche lo studio riguardante l’UK - 414,495
di Chris Wayman e colleghi (visionabile in lingua inglese on line al seguente
indirizzo:
http://www3.interscience.wiley.com/cgi-bin/fulltext/123350627/PDFSTART),
induce molteplici perplessità e merita alcune doverose precisazioni.
Innanzitutto lo studio in questione non è stato condotto sulle donne, bensì
su
conigli di sesso femminile!





Le coniglie in questione sono state sottoposte ad anestesia generale,
tracheotomia (cioè ad incisione chirurgica della trachea) ed intubazione
endotracheale (cioè l’inserimento di un tubo all’interno della trachea).
Un catetere è stato inserito nella vena femorale sinistra, attraverso
un’incisione lungo la coscia. Attraverso un’incisione chirurgica in sede
sovrapubica, un elettrodo stimolatore è stato piazzato nella cavità addominale
intorno al nervo pelvico. Il tessuto connettivo pubico è stato asportato
con l’obiettivo di esporre la mucosa del clitoride e della parte esterna della
vagina. Due sonde doppler sono state inserite rispettivamente nella vagina
e sopra la parete clitoridea esterna.

Viste le condizioni cui sono state sottoposte le (povere) coniglie neo-zelandesi,
c’è da chiedersi quanto l’eccitazione sessuale raggiunta artificialmente
su animali sottoposti ad anestesia generale e ai trattamenti chirurgici di cui
sopra possa essere riproducibile anche per gli esseri umani (che partecipano
salvo smentite da parte di chi legge! all’attività sessuale sicuramente senza
anestesia generale!).
In altre parole, attualmente
le conclusioni dei ricercatori sono solo ipotesi
applicate agli animali
: altri studi (che dovranno essere realizzati in futuro)
consentiranno di affermare se tali conclusioni potranno essere estese
anche alle donne!

Detto in parole ancore diverse:
il “segreto dell’eccitazione femminile”
(di cui i mass media hanno tanto detto e scritto) rimane (soprattutto
farmacologicamente, ma non solo!) ancora oggi...un segreto!


Per fortuna!!!
• indietro

Flash Player